domenica 7 dicembre 2008

Soffrendo si vince, stavolta è il pubblico che non convince

Vittoria 2 a 0 sul Siena di Giampaolo.
Vittoria soferta che che ha messo in rilievo lo stato di forma non certo esaltante degli azzurri, ma che ha sottolineato la grinta, la dedizione e la personalità di alcuni suoi calciatori.
Gargano ad esempio, benchè abbia sbagliato più di un passaggio ha messo in campo una cattiveria agonistica tale da coinvolgere pubblico e compagni.
Proprio il pubblico, però rappresenta una nota stonata.Mi riallaccio al discorso fatto da Mourinho la scorsa settimana.E' fin toppo facile gridare e d esultare quando si vince e si convince,un pò meno quando le cose vanno diversamente.
I fischi del primo tempo a una squadra che era in difficoltà, anche per la perfetta organizzazione di gioco del Siena, che veniva da due vittorie consecutive sono stati ingenerosi.
Questo atteggiamento non aiuta la squadra e contribuisce a creare delle fratture e delle inimicizie fra pubblico e calciatori.
Su questo aspetto vado sicuramente contro corrente, perchè, e qui si dovrebbe aprire una lunga discussione, secondo me il pubblico napoletano ben poche volte incide sui risultati e alcune volte ha anche contribuito a distruggere alcuni calciatori beccati regolarmente al di là dei loro demeriti.
Mi riprometto di approfondire questo aspetto, con degli esempi.
Il Napoli,riparte quindi e aspetta il prossimo turno con il Lecce per rafforzare la propria posizione in classifica prima di tirare il fiato in vista della sosta natalizia